Concorso Guardia di Finanza

Concorso Guardia di Finanza

Overview

Dal 1° gennaio 2017 la Guardia di Finanza è divenuta l’unica Forza di Polizia sul mare.

Si tratta degli stessi compiti che coinvolgono le responsabilità della Guardia di Finanza sulla terraferma, nell’ambito di un dispositivo organizzativo e operativo unitario, in cui i Reparti Aeronavali dialogano costantemente con le componenti territoriale, investigativa e speciale, scambiandosi informazioni, pianificando ed eseguendo interventi congiunti o coordinati.
Il Comando Aeronavale Centrale, retto da Generale di Corpo d’Armata, svolge le funzioni di alta direzione, comando, coordinamento e controllo nei settori operativo, addestrativo, logistico ed amministrativo. Ha alle proprie dipendenze il Comando Operativo Aeronavale, il Centro di Aviazione e il Centro Navale di Formia.
Il Comando generale della Guardia di Finanza ha indetto un concorso pubblico, per titoli ed esami, per l’ammissione di 66 allievi ufficiali del ruolo normale – comparti ordinario e aeronavale all’Accademia della Guardia di finanza, per l’anno accademico 2019/2020.

I posti disponibili sono così ripartiti:
-58 sono destinati al comparto ordinario;
-8 sono destinati al comparto aeronavale di cui 4 alla specializzazione “pilota militare”; 4 alla specializzazione “comandante di stazione e unità navale”.
Lo svolgimento del concorso comprende: una prova preliminare consistente in test logico-matematici e culturali (eventuale per il comparto aeronavale); una prova scritta di cultura generale; prove di efficienza fisica; accertamento dell’idoneità psico-fisica; accertamento dell’idoneità attitudinale; prove orali; prova facoltativa di una lingua straniera; prova facoltativa di informatica; valutazione dei titoli; visita medica di controllo per i concorrenti per la specializzazione “pilota militare”; accertamento dell’idoneità al pilotaggio per i concorrenti per la specializzazione “pilota militare”; visita medica di incorporamento.

Il corso di Accademia ha inizio nella data stabilita dal Comando Generale della Guardia di finanza e ha durata triennale (da frequentare, per due anni, nella qualità di allievo ufficiale e, per un anno, con il grado di sottotenente).

Alla fine del triennio, i sottotenenti sono ammessi al corso di Applicazione, di durata biennale (da frequentare, per un anno, nel grado di sottotenente e, per un anno, nel grado di tenente).

Possono partecipare al concorso:

gli ispettori, i sovrintendenti, gli appuntati e i finanzieri del Corpo che non abbiano superato il ventottesimo anno di età e, quindi, siano nati in data non antecedente al 1° gennaio 1991;

-non siano stati prosciolti, d’autorità o d’ufficio, da precedente arruolamento nelle Forze armate e di polizia, se concorrenti per il comparto aeronavale: (a) specializzazione “pilota militare”, per inattitudine al volo; (b) specializzazione comandante di stazione e unità navale per inattitudine alla navigazione; se in servizio permanente, non siano stati dichiarati non idonei all’avanzamento;
-non siano imputati, non siano stati condannati né abbiano ottenuto l’applicazione della pena per delitti non colposi, né siano o siano stati sottoposti a misure di prevenzione;
-non abbiano riportato, nell’ultimo biennio, sanzioni disciplinari più gravi della consegna;
-non siano sottoposti a un procedimento disciplinare di corpo da cui possa derivare l’irrogazione di una sanzione più grave della consegna, a un procedimento disciplinare di stato;
-non siano sospesi dall’impiego o non siano in aspettativa;
i cittadini italiani che abbiano compiuto il diciassettesimo anno di età e non superato il ventiduesimo anno di età, vale a dire siano nati nel periodo compreso tra il 1° gennaio 1997 e il 1° gennaio 2002:

-abbiano, se minorenni alla data di presentazione della domanda, il consenso dei genitori o del genitore esercente in via esclusiva la potestà o del tutore per contrarre l’arruolamento volontario nella Guardia di finanza;
-siano in possesso dei diritti civili e politici;
-non siano stati destituiti, dispensati o dichiarati decaduti dall’impiego presso una pubblica amministrazione, ovvero prosciolti, d’autorità o d’ufficio, da precedente arruolamento nelle Forze armate e di polizia, a esclusione dei proscioglimenti, se concorrenti per: (a) il comparto ordinario, per inattitudine al volo o alla navigazione (b) il comparto aeronavale: (1) specializzazione pilota militare, per inattitudine alla navigazione; (2) specializzazione comandante di stazione e unità navale, per inattitudine al volo;
-non siano stati ammessi a prestare il servizio civile nazionale quali obiettori di coscienza;
-non siano stati dimessi, per motivi disciplinari o per inattitudine alla vita militare, da accademie, scuole, istituti di formazione delle Forze armate e di polizia;
-non siano stati rinviati o espulsi da corsi di formazione dell’Accademia del Corpo della guardia di finanza; non siano imputati, non siano stati condannati né abbiano ottenuto l’applicazione della pena per delitti non colposi, né siano o siano stati sottoposti a misure di prevenzione;
-siano in possesso delle qualità morali e di condotta stabilite per l’ammissione ai concorsi della magistratura ordinaria.
Tutti i candidati devono possedere, inoltre, un diploma di istruzione secondaria di secondo grado che consenta l’iscrizione a corsi di laurea previsti dalle Università statali o legalmente riconosciute.

La domanda di partecipazione al concorso deve essere compilata esclusivamente mediante la procedura telematica disponibile sul portale con scadenza 15 marzo 2019.

Per maggiori informazioni si rimanda al sito del Comando della Gdf cliccando qui

Fonte: https://www.circuitolavoro.it/97632/guardia-di-finanza-concorso

Categorie: Concorsi Nazionali