Il Consiglio europeo

Il Consiglio europeo

Overview

Il Consiglio europeo definisce le priorità e gli orientamenti politici generali dell’UE. Non fa parte dei legislatori dell’UE e pertanto non negozia né adotta leggi dell’UE. Stabilisce invece l’agenda politica dell’Unione, generalmente adottando nelle sue riunioni “conclusioni” che individuano le questioni problematiche e le azioni da intraprendere.
Le conclusioni del Consiglio europeo sono adottate in occasione di ogni riunione del Consiglio europeo. In esse si individuano specifiche questioni di interesse per l’UE e si definiscono determinate azioni da intraprendere o obiettivi da raggiungere. Le conclusioni del Consiglio europeo possono inoltre fissare i termini entro i quali giungere ad un accordo su un determinato punto o presentare proposte legislative. In questo modo il Consiglio europeo è in grado di influenzare e orientare l’agenda politica dell’UE.
Prima di ogni riunione del Consiglio europeo, il suo presidente elabora orientamenti per le conclusioni, che sono quindi discusse in sede di Consiglio “Affari generali” e successivamente adottate durante la riunione del Consiglio europeo. Le conclusioni sono adottate per consenso da tutti gli Stati membri dell’UE.
I membri del Consiglio europeo sono i capi di Stato o di governo dei 28 Stati membri dell’UE, il presidente del Consiglio europeo e il presidente della Commissione europea.

Il Consiglio europeo svolge un ruolo importante in talune procedure di nomina per incarichi di alto profilo a livello di UE. È competente in particolare a:

  • eleggere il presidente del Consiglio europeo
  • proporre il presidente della Commissione europea
  • nominare l’alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza
  • nominare ufficialmente l’intero collegio dei commissari
  • nominare il comitato esecutivo della Banca centrale europea (BCE), compreso il presidente della BCE

Il Consiglio europeo elegge il proprio presidente. Tale elezione richiede la maggioranza qualificata. Il presidente resta in carica per un periodo di 2,5 anni, rinnovabile una sola volta.
Tenuto conto delle elezioni del Parlamento europeo, il Consiglio europeo deve proporre un candidato alla carica di presidente della Commissione europea.
Il Parlamento europeo deve approvare il candidato proposto a maggioranza dei suoi membri (un minimo di 376 deputati). Se il candidato del Consiglio europeo non ottiene l’approvazione a maggioranza nella votazione del Parlamento, il Consiglio europeo deve proporre un nuovo candidato entro un mese da tale votazione.
Il Parlamento europeo ricorre quindi alla stessa procedura – votazione a maggioranza di tutti i deputati – per approvare il nuovo candidato proposto.

Il Consiglio europeo:

  • è competente alla nomina dell’alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza. La decisione sul candidato proposto richiede la maggioranza qualificata
  • può, sempre a maggioranza qualificata, decidere di porre fine al mandato di 5 anni dell’alto rappresentante
  • nomina ufficialmente l’intera Commissione europea,
  • ottenuta l’approvazione del Parlamento, il Consiglio europeo nomina ufficialmente la Commissione europea,
  • nomina tutti e sei i membri del comitato esecutivo della Banca centrale europea (BCE), che comprende sia il presidente che il vicepresidente più altri 4 membri.

Fonte: https://www.consilium.europa.eu/it/council-eu/